Nessun commento

#Queenmania #Rhapsody sul palco del #TeatroNuovo di #Verona 2020

Data 13 Febbraio 2020 Orario 21:00 Dove Teatro Nuovo di Verona

I Queenmania, diretti da Daniele Sala, faranno rivivere sul palco del Teatro Nuovo di Verona la leggenda di una band che ha scritto la storia del Rock e non solo.

“È vita reale o è fantasia?”: comincia così la canzone manifesto dei Queen, l’azzardo più incredibile della storia della musica rock. C’è dentro di tutto, schegge di hard-rock, pop, glam, l’opera lirica, il settecento, la teatralità, le ansie esistenziali dell’uomo, i reietti, gli dei e gli inferi.

Non ci sono messaggi sociali nelle loro canzoni eppure ancora oggi sono potenti, affascinanti, credibili, per nulla superati dalla realtà. L’arte dei Queen è sempre stata la messa in scena di una favola… romantica, malinconica, ironica, straziante, gioiosa, sensuale e trasgressiva. Per comprendere non serve la ragione, bisogna solo arrendersi alla straordinaria capacità di affabulare… dai dischi, ai live, alle vite, in particolare quella di Freddie.

I Queenmania, blasonata e seguitissima tribute band dei Queen, si rimettono in gioco espandendo i confini del concerto e confezionano Queenmania Rapsody, un nuovo spettacolo in cui la musica, le fascinazione visive, la narrazione (sotto la regia di Daniele Sala) convivono in una formula più teatrale, una vera rapsodia pop abitata da gatti, brutti anatroccoli, chitarre fatate, regine viziate e uno scrigno di canzoni che spaccano il cuore ad ogni nota, regalandoci l’illusione di poter “vivere per sempre”.

Leggi l’articolo originale su Città di Verona! https://www.cittadiverona.it/eventi/queenmania-rhapsody-sul-palco-del-teatro-nuovo-di-verona/ | Città di Verona

Nessun commento

Lo #spettacolo di #danza “Les #nuits #barbares, ou les #premiers #matins du #monde” al #TeatroRistori

Lo spettacolo di danza “Les nuits barbares, ou les premiers matins du monde” al Teatro Ristori

Data 14 Marzo 2020 Orario 20:30 Dove Teatro Ristori

La compagnia francese torna a grande richiesta con un’opera dedicata al tema dell’origine della cultura mediterranea, uno spettacolo definito dalla stampa internazionale «spettacolare, sublime, e superlativo».

Hervé Koubi riscrive una storia millenaria portando sul palco la paura ancestrale dello “straniero”, dell’altro da sè, per rivelare la raffinatezza delle culture «barbare». Un lavoro originale che unisce la potenza ipnotica della parata da guerra e la precisione di un balletto classico, portando agli occhi del pubblico ciò che di più affascinante c’è nell’incontro fra culture e religioni.

I danzatori fanno vorticare le loro gonne come dervisci, brandendo lame e coltelli al suono della musica sacra di Mozart e Fauré, miscelata con melodie tradizionali algerine, dialogando con il patrimonio musicale e spirituale dell’occidente; la loro sensualità virile e la loro energia mozzafiato evocano un’umanità intera di barbari: Persiani, Celti, Greci, Vandali e Babilonesi, quasi delle apparizioni da tempi remoti e oscuri, che hanno influenzato quel grande crocevia di culture che è il Mediterraneo. Tutti questi elementi storici e culturali si mescolano, dal punto di vista stilistico, con il linguaggio della breakdance e dell’hip hop, reinventati in maniera spettacolare, in un mix di generi dalla sensualità quasi spirituale.

«Les nuits barbares si nutre delle brillanti tracce lasciate dalle culture vandale, dai Persiani, Goti, Celti, Unni, Arabo Musulmani, della musica sacra d’oriente e occidente. È un inno alla bellezza! Quella che, a dispetto delle guerre, scaturisce dall’unione, che volta le spalle alle rivendicazioni identitarie e prende il meglio di ognuno e rende omaggio alla storia, all’alterità e alle origini. È un inno al Mediterraneo, alle nostre origini comuni che si incrociano tutte nelle acque del Mare Nostrum. Alla nostra storia che dopo più di tremila anni testimonia un florilegio di culture la cui alterità ci unisce più di quanto ci allontani. Non importa se siamo algerini, spagnoli o francesi, siamo prima di tutto mediterranei, è questa la nostra appartenenza ed è più antica delle nazioni!». HERVÉ KOUBI

Hervé Koubi solleva le ombre dalle notti barbare per mostrare l’alba di una cultura condivisa, in un’esplorazione potente e carismatica della storia del Mediterraneo. «Les nuits barbares, ou les premiers matins du monde» è un’opera dedicata al tema dell’origine della cultura mediterranea, un lavoro definito dalla stampa internazionale «spettacolare, sublime, e superlativo». Con questo spettacolo, il coreografo franco-algerino Hervé Koubi ha concepito un gioiello che unisce la potenza ipnotica della parata da guerra e la precisione del balletto classico, portando agli occhi del pubblico ciò che di più affascinante c’è nell’incontro fra culture e religioni. Hervé Koubi riscrive, con il linguaggio della danza, una storia millenaria portando sul palco la paura ancestrale dello straniero, dell’altro da sé, per rivelare infine la raffinatezza delle culture “barbare”. Non lavorando sulla narrazione, ma sugli ambienti, sulla presenza della “carne” e la potenza delle immagini, la compagnia si trasforma da esercito di guerrieri a corpo di ballo o coro d’opera. I danzatori fanno vorticare le loro gonne come dervisci, brandendo lame e coltelli al suono della musica sacra di Mozart e Fauré, mescolata con ipnotiche melodie tradizionali algerine, dialogando con il patrimonio musicale e spirituale dell’occidente; la loro sensualità virile e la loro energia mozzafiato evocano un’umanità intera di barbari: Persiani, Celti, Greci, Vandali e Babilonesi, quasi delle apparizioni da tempi remoti e oscuri, che hanno influenzato quel grande crocevia di culture che è il Mediterraneo. Tutti questi elementi storici e culturali si mescolano, dal punto di vista stilistico, con il linguaggio della breakdance e dell’hip hop, reinventati in maniera spettacolare, in un mix di generi dalla qualità quasi spirituale.

Leggi l’articolo originale su Città di Verona! https://www.cittadiverona.it/eventi/lo-spettacolo-di-danza-les-nuits-barbares-ou-les-premiers-matins-du-monde-al-teatro-ristori/ | Città di Verona

Nessun commento

#Concerto dei #Negrita al #TeatroFilarmonico di #Verona2020

Data 2 Marzo 2020 Orario 21:00 Dove Teatro Filarmonico

Il 2 marzo 2020 al Teatro Filarmonico di Verona i Negrita con questo tour dal titolo “La Teatrale + Reset Celebration” li vedrà alternare momenti acustici ed elettrici, con molti estratti da Reset, album campione di vendite che quest’anno festeggia vent’anni e che per l’occasione sarà ristampato (per la prima volta anche in vinile).

“Come vi avevamo annunciato, non abbiamo alcuna intenzione di fermare i festeggiamenti. Abbiamo ricaricato le batterie e siamo pronti per ripartire per un tour che, fino ad ora, avete trasformato in uno dei migliori della nostra carriera. Nel frattempo, anche Reset ha compiuto gli anni, quindi perché non approfittarne per rispolverare qualcosa che non suoniamo da un po’? Insomma, aiutateci a cominciare i prossimi venticinque anni come avete fatto fino ad ora!” Negrita

Continuano le celebrazioni in casa NEGRITA. Come poteva concludersi l’anno che ha visto la rock band tornare protagonista assoluta della scena musicale italiana, se non con l’annuncio di un nuovo tour? Naturale seguito dei due recenti giri teatrali, caratterizzati da decine di sold out e da unanime entusiasmo di pubblico e critica, la nuova serie di date vedrà la band tornare on the road da gennaio 2020 per concludere idealmente il percorso iniziato con la partecipazione al 69esimo Festival di Sanrem

La Teatrale + Reset Celebration vedrà nuovamente NEGRITA alternare momenti acustici ed elettrici, con molti estratti da Reset, album campione di vendite che quest’anno festeggia vent’anni e che per l’occasione sarà ristampato (per la prima volta anche in vinile).

Leggi l’articolo originale su Città di Verona! https://www.cittadiverona.it/eventi/concerto-dei-negrita-a-verona | Città di Verona

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com